Domenica, 22 Giugno 2014 15:52

Urtica dioica L.

Urtica dioica L. (ortica)

Famiglia: urticaceae

Pianta erbacea perenne facilmente reperibile in campi incolti, lungo i sentieri, nei boschi e nei luoghi a mezz'ombra, è comune in tutta Italia.
Sia le foglie che i fusti sono ricoperti di peli urticanti che irritano e bruciano appena vengono toccati, i fiori sono insignificanti di colore gialloverde.
I germogli teneri vengono utilizzati in cucina sia come verdura cotta che per la preparazione di pasta fresca, ha innumerevoli qualità farmacologiche ed è molto utilizzata in erboristeria e farmacia.
Per le tartarughe è un ottimo alimento per l'elevato rapporto calcio/fosforo e contrariamente a quel che si pensa non hanno problemi a mangiarla, evidentemente i peli urticanti non hanno effetto su di loro.
Si può dare in abbondanza se è gradita in quanto a differenza del tarassaco non tutte le tartarughe la apprezzano.

Pubblicato in TCI
Domenica, 22 Giugno 2014 15:49

Taraxacum officinale

Taraxacum officinale (piscialetto, dente di leone, dente di cane, soffione, barba del Signore)

Famiglia= Compositae (=Asteraceae)

In Italia il tarassaco è molto diffuso in tutte le regioni ed è facile reperirlo nei frutteti e nei vigneti, negli incolti e lungo i sentieri soprattutto nelle zone più umide e fresche.
E' facilmente riconoscibile per le infiorescenze vistose gialle e per il pappo che porta i semi chiamato anche soffione.
In cucina si utilizzano tutte le parti: le foglie, i petali ed anche i boccioli e le radici
Per le nostre tartarughe è un valido alimento con un ottimo rapporto calcio/fosforo e ne sono golose, amano molto anche i fiori e può essere somministrato a volontà.

Pubblicato in TCI

Plantago major L. - piantaggine maggiore (Barbara Beccari)

Plantago major L. (piantaggine maggiore, lingua di cane)

Famiglia: plantaginaceae

Erbacea perenne a carattere infestante, si trova negli orti e negli incolti, ai bordi di strade e sentieri ed ama le zone umide dove cresce in maniera rigogliosa.
E' praticamente priva di fusto, le foglie sono esclusivamente basali a forma di rosetta e in zone umide crescono molto rimanendo più tenere mentre in zone aride rimangono più piccole e dure.
Le foglie tenere vengono utilizzate per insalate miste ad altri ortaggi ed erbe.
Per le nostre tartarughe è un alimento eccellente in quanto ha un ottimo rapporto calcio/fosforo e contiene molte fibre, da somministrare senza problemi.

Pubblicato in TCI

Lamium purpureum L. - falsa ortica purpurea (Barbara Beccari)

Famiglia= lamiaceae

 

Pianta erbacea annuale molto simile all’ortica dalla quale si differenzia per le foglie non urticanti, comune in quasi tutta Italia si trova solitamente lungo sentieri ombreggiati o nei pascoli.

Le foglie hanno un odore poco gradevole però le tartarughe solitamente la gradiscono ed è ottima per i valori nutritivi per cui si può dare in abbondanza

Esistono anche altre varietà di falsa ortica, tutte ugualmente ottime come cibo:

- falsa ortica macchiata – Lamium maculata L. detta anche dolcimele per il gusto dolce dei fiori, tra le false ortiche è la più gradita alle tartarughe e si trova in tutta Italia ad eccezione della Sicilia

- falsa ortica bianca – Lamium album L. detta anche urtia bianca, lamio ed ortica morta è caratterizzata dai fiori di colore bianco, si trova un tutta Italia a parte le isole

- falsa ortica maggiore – lamium orvala L. meno comune perché si trova solo nelle regioni del nord est e cioè Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige

Tutte le varietà si possono proporre in abbondanza alle nostre tartarughe perché variano le foglie o i fiori ma non i valori nutritivi.

Pubblicato in TCI

Hyoseris radiata L. – radicchio selvatico (Barbara Beccari)

Famiglia=Asteraceae

Nomi volgari: radicchio selvatico, trinette, ioseride, schiappa grotti

Pianta erbacea di origine mediterranea si trova nei campi incolti, nei bordi stradali e sui muri fino ai mille metri di altezza ma è poco comune se non inesistente nelle regioni a nord della Liguria.

Le foglie sono ben riconoscibili perché lunghe e strette con incisioni che arrivano fino a metà della lamina fogliare dando origine a segmenti triangolari.

I fiori gialli sono ottimo cibo per le tartarughe come tutto il resto della pianta.

Il rapporto calcio/fosforo è notevole e solitamente si cibano anche degli steli che apportano molte fibre.

Pubblicato in TCI

In collaborazione con

Sponsor

Contatti 

Tarta Club Italia
Via della Repubblica, 39a

47042 Cesenatico (FC)

Partita IVA: 03515480402 - C.F. 90049330401

 

Scrivi al TartaClubItalia.

Scrivi al Webmaster per problemi inerenti al sito.

DMCA.com Protection Status

Chi è online 

Abbiamo 231 visitatori e nessun utente online

Statistiche visite 

Oggi2611
Ieri4806
Questa settimana29135
Questo mese137181
Da sempre9918171

Powered by CoalaWeb
#5e5f72 #66fe00 #77b5b3 #dc1469 #232021 #a55778